Zoom Torino
Menu

I NUOVI NATI A ZOOM 

A Zoom sono nati 4 piccoli di suricato (Suricata suricatta), 3 cuccioli di lemure bianco e nero (Varecia variegata), un’antilope Blesbok (Damaliscus pygargus phillipsi), un cucciolo di Watusso (Bos Taurus), 4 cuccioli di lontra, un bellissimo cucciolo di Impala e 2 dolcissime gazzelle di Mohrr.

I nuovi nati testimoniano il lavoro di tutela e conservazione delle diverse specie che abitano il bioparco.

I cuccioli di suricato sono nati nel nido, situato nelle tane sotterranee che si sono creati da soli, come in natura. Alla nascita hanno gli occhi chiusi, l’udito è molto scarso e pesano tra i 25 e i 36 grammi. Dopo circa due settimane, i cuccioli aprono gli occhi e verso la terza settimana, escono per la prima volta dal nido. E’ proprio in questi giorni che stanno iniziando ad esplorare l’habitat di Zoom!

La società dei suricati è matriarcale, cioè comandata dalle femmine, che si fanno aiutare da tutti gli individui del gruppo ad occuparsi e crescere la prole. Infatti, fino ad oggi, durante il periodo nel nido dei cuccioli, tutti gli individui del gruppo hanno aiutato la femmina ad accudirli e proteggerli.

Renala, una delle splendide sorelle di lemure bianco e nero, arrivate a Zoom a maggio dallo zoo di WROCLAW in Polonia, ha dato alla luce tre vivaci cuccioli dopo circa 100 giorni di gestazione. I piccoli, tutti di sesso maschile, sono nati in mezzo al bambù, dove la mamma ha creato per loro un riparo con rami e foglie per accoglierli. Renala dalla loro nascita si è dimostrata subito protettiva e attenta accudendoli ogni giorno, separandosi da loro solamente per la ricerca del cibo. Con il passare dei giorni, la mamma ha cominciato gradualmente a lasciare sempre maggiore libertà ai suoi piccoli, in modo che potessero esplorare i dintorni del nido.

Nello stesso periodo dopo 7 mesi di gestazione è nata Carla, una tenerissima antilope di Blesbok, specie originaria del Sud Africa. Mezz’ora dopo la sua nascita, Carla era già in grado di correre, esattamente come succede in natura, dove gli erbivori imparano a camminare in poco tempo per scappare da pericoli e predatori.  L’etimologia del nome Blesbok, proviene dall’africano bles che significa fiammata bianca e dall’olandese bloc, per la caratteristica grossa macchia bianca in mezzo alla fronte, che però ancora i cuccioli non hanno. L’antilope Blesbok è un animale sociale, che vive in gruppi formati da individui dello stesso sesso o da maschi e femmine con i piccoli.

Il 3 luglio 2016 è nata Evi dopo 10 mesi di gestazione
Il papà si chiama Azi e la mamma Xena: per questo i keeper hanno dato il nome Evi, come la figlia della guerriera del “fumetto XENA”
La piccola, appena nata pesava già 14 kg ed ha iniziato subito a camminare e a seguire la mamma e papà Azi.
Prenderà il latte per 6 mesi ma diventerà completamente adulta a solo un anno di età .
Caratteristica dei buoi dei Watussi, sono le lunga corna degli adulti, che hanno sia le femmine sia i maschi: possono misurare oltre 1 metro di lunghezza e avere alla base 1/2 metro di diametro: la piccola Evi però, non ha ancora queste maestose corna, che inizieranno a crescerle dopo i 2 mesi.

Mamma Nina, lontra, ha partorito dopo 60 giorni di gestazione nel nido, all’interno del loro ricovero notturno.

Per circa tre settimane i cuccioli rimarranno all’interno del nido  per  tutto il giorno, dormendo e prendendo il latte ogni 3-4 ore e per 10-15 minuti : mamma Nina, papà Himal e i fratellini Sharky e Nautilus, li proteggono nel nido con grande apprensione.

I piccoli di lontra quando nascono pesano circa 50 gr , misurano circa 15 cm,  hanno gli occhi chiusi, che apriranno solo dopo 40 giorni, e il loro colore è grigio chiaro.

I piccoli inizieranno ad entrare in acqua intorno alle 9 settimane ed una volta che iniziano a mangiare cibo solido, iniziano a cercarsi il cibo da soli.

Bambi, il piccolo Impala, è nato pochi giorni fa e sta molto bene.

Viene seguito e monitorato dai veterinari che si occupano anche del sua allattamento visto che la sua mamma non ha il latte.

Bambi pesa circa 3,5 kg e passa la giornata prevalentemente all’interno della sua holding dove ha cominciato a muovere i primi passi e a fare le prime sgambettate.

Ad Ottobre 2016 sono nate 2 gazzella di Mohrr, un’ottima notizia soprattutto perché la specie ha un elevato grado di estinzione, essendo praticamente estinta. Si contano infatti solo 10/15 esemplari in natura. In Italia, il primo parco selezionato per il progetto di conservazione della Gazzella di Mohrr è stato proprio ZOOM, che da aprile 2013 ospita 4 esemplari maschi provenienti da parchi zoologici olandesi e tedeschi appartenenti all’EAZA. Nel 2016 sono state inviate anche 4 femmine per iniziare la riproduzione e così oggi con orgoglio possiamo appendere ben 2 fiocchi azzurri!

Menu